11 settembre 2001: “due aerei si sono schiantati nel cuore di Nuova York”

11 settembre 2001. Il primo a darne notizia in Italia fu Emilio Fede, allora Direttore del TG4:

forse un attentato, ancora non si sa. Due aerei si sono schiantati contro il WTC nel cuore di Nuova York

Il giornalista, visibilmente sconvolto, annuncia agli italiani del possibile attentato terroristico che, di lì a poche ore, avrebbe cambiato il Mondo. Per sempre.

Per la prima volta da Pearl Harbour (7 dicembre ’41), gli USA venivano attaccati sul loro suolo. Ma stavolta non in un arcipelago a migliaia di chilometri dalla California, bensì nel “cuore di Nuova York”.

Si tratta di un vero attentato che non si limita però a colpire il World Trade Center: anche il Pentagono, infatti, subisce danni per un terzo aereo di linea che si schianta sul simbolo della potenza militare USA.

Un quarto aereo di linea manca il bersaglio. In volo su Shanksville, Virginia, il volo United Airlines 93 manca l’obiettivo grazie all’estremo coraggio di equipaggio e passeggeri. Decisi a non arrendersi, infatti, si rivoltano contro i dirottatori.

Responsabile dell’attacco un commando di 19 terroristi di al-Qaeda (tutti deceduti), organizzazione terroristica islamica fondata negli Anni Ottanta durante la campagna sovietica di Afghanistan. E per almeno due decenni presente in teatri di crisi dal Maghreb all’Afghanistan, dall’Irak alla Siria, passando per Somalia e Yemen.

Al-Qaeda (letteralmente “la base”) deve il nome al modo in cui erano chiamati i campi di addestramento per i mujaheddin afghani.

I morti furono circa 2977, centinaia i feriti e una ventina i dispersi. Fra le vittime anche i soccorritori, soprattutto i vigili del fuoco di New York, molti di quali moriranno durante e dopo le operazioni di soccorso. I fumi e le polveri, infatti, continuarono ad uccidere anche anni dopo l’attentato.

Gli Stati Uniti impiegarono quasi 8 mesi per rimuovere le macerie. Per 13 anni sul luogo dell’attacco, Ground Zero, due fasci di luce ricordavano le Twin Towers abbattute. Poi, nel novembre 2014, è stata inaugurata l’imponente Freedom Tower: 541 metri o 1776 piedi, misura che evoca la data d’Indipendenza degli Stati Uniti. L’altezza supera di oltre 100 metri le Twin Towers, chiara risposta al terrore…

Nei pressi della Freedom Tower sorge inoltre il National September 11 Memorial & Museum. Monumenti commemorativi si ergono anche nei pressi del Pentagono – Pentagon Memorial – e a Shanksville, Flight 93 National Memorial.

La Redazione di Conoscerelastoria.it si unisce al ricordo delle vittime di quel drammatico giorno di 19 anni fa.

 

 

 

 

 

 

 

________________________________

(Fonte immagine di sfondo: foto di Aurore Duwez da Pixabay)

Marco Petrelli

Marco Petrelli

Nato a Terni, una laurea in Storia e una in Storia e politica internazionale, è giornalista e fotoreporter. Si occupa di difesa, esteri e reportage... questi ultimi di solito caratterizzati da un bianco e nero ad alto contrasto. Collabora, fra gli altri, con BBC History, AeroJournal, Affari Internazionali. Amante del cielo, ha dedicato due titoli alla storia aeronautica.

Articolo Precedente

Roma, 9 settembre ’43: i tedeschi conquistano la Capitale

Articolo successivo

Accadde oggi. 12/03, con “Operazione Quercia” i tedeschi liberano Mussolini