18 maggio 1652: la prima legge contro la schiavitù in America

La lotta contro lo schiavismo in America dovette attendere il XIX secolo, ma già alla metà del Seicento, oltre 100 anni prima della nascita degli Stati Uniti e della Dichiarazione d’indipendenza, nell’attuale Stato del Rhode Island, all’epoca una colonia a maggioranza quacchera, veniva adottata una normativa municipale che metteva al bando la schiavitù.

La legge fu approvata il 18 maggio del 1652 e si applicava alle comunità di Providence e Warwick. Per la precisione, in realtà, il testo proibiva soltanto il possesso a vita di un essere umano menre, per periodi di 10 anni o inferiori, questo era ancora consentito. Inoltre, almeno inizialmente, erano esclusi da questa forma di tutela i nativi americani, mentre erano contemplati i bianchi e i neri. A ciò si deve aggiungere che non vi sono ancora oggi evidenze che quella legge sia mai stata rispettata. Ad ogni buon conto, una legge del 1703 approvata dall’Assemblea generale del Rhode Island istituzionalizzò di fatto la schiavitù.

 

conoscerelastoria.it

Redazione di Conoscerelastoria.it

Articolo Precedente

16 maggio 1884: presentato il brevetto per la macchina del caffè espresso

Articolo successivo

Prima Guerra Mondiale: il 24 maggio 1915 la guerra inizia sull’Adriatico