28 marzo 1960: il primo cardinale di colore nella storia

Il primo cardinale africano e di colore della storia della Chiesa cattolica fu Laurean Rugambwa, tanzaniano. Nato a Bukongo, il 12 luglio del 1912, fu ordinato presbitero il 12 dicembre del 1943, all’età di 31 anni. Otto anni più tardi, il 13 dicembre del 1951, venne eletto vescovo titolare della diocesi di Febiana, in Tunisia (la consacrazione avvenne a febbraio del 1952) e vicario apostolico del Kagera inferiore, Tanzania.

Il vicariato apostolico del Kagera fu elevato al rango di diocesi nel 1953. Sette anni più tardi, il 28 marzo del 1960, papa Giovanni XXIII, Giuseppe Angelo Roncalli, elevò Rugambwa al rango cardinalizio con il titolo di San Francesco d’Assisi a Ripa Grande, un titolo istituito dallo stesso Giovanni XXIII pochi giorni prima con la costituzione apostolica Cum ob peculiaris.

La carriera ecclesiastica di Rugambwa non si fermò, perché nel 1968 divenne arcivescovo di Dar-es-Salaam, la più grande città della Tanzania. Da questo incarico si dimise, per sopraggiunti limiti di età, nel 1992, cioè ad 80 anni compiuti. Cinque primavere più tardi, l’8 dicembre del 1997, morì.

Aveva partecipò al Concilio Vaticano II, nonché ai conclavi del 1963 (che elesse papa Paolo VI) e del 1978 (che elessero rispettivamente Giovanni Paolo I e Giovanni Paolo II).

 

Immagine via commons.wikimedia.org, autore Pietro Di Fontana

 

Elisa Filomena Croce

Classe 1990. Laureata in Storia presso l'Università degli Studi di Milano, specializzazione in storia socio-religiosa del mondo antico. Appassionata di archeologia sperimentale. Attualmente caporedattrice e autrice di articoli su riviste di Storia.

Articolo Precedente

Quei francobolli… da mondiale

Articolo successivo

Divorziare nell’antica Roma? Un gioco da ragazzi. Non da ragazze…