3 settembre 1943: firmato l’armistizio di Cassibile

Il 3 settembre del 1943, in una contrada situata nel territorio del Comune di Siracusa,  Santa Teresa Longarini, a tre chilometri dal borgo di Cassibile, dopo lo sbarco alleato in Sicilia di luglio, i generali Giuseppe Castellano, per il Regno d’Italia, e Walter Bedell Smith, per gli Stati Uniti d’America, siglarono l’armistizio che segnava la fine delle ostilità tra Roma e le potenze alleate. La firma avvenne inoltre poco più di un mese dopo la seduta del Gran Consiglio del Fascismo che aveva sfiduciato Benito Mussolini e l’arresto dello stesso, ordinato dal re, Vittorio Emanuele III.

L’armistizio siglato in Sicilia stabiliva, tra le condizioni, che esso sarebbe divenuto effettivo solamente dopo l’annuncio ufficiale dello stesso, annuncio che sarebbe arrivato per via radiofonica cinque giorni dopo, l’8 settembre, a opera del maresciallo Pietro Badoglio, gettando così nel caos le truppe italiane, lasciate improvvisamente alla mercé degli ex alleati tedeschi in buona parte della penisola.

Cristiano Puglisi

Classe 1984. Laureato in Storia e Lettere moderne, Master in Editoria ed Executive master in Relazioni pubbliche. Esperto in comunicazione e relazioni istituzionali, collabora con Conoscerelastoria.it.

Articolo Precedente

Grotta di Acquacadda (Sulcis): nuovi scavi per conoscere la Sardegna prenuragica

Articolo successivo

Pellerossa: i cantori della prateria