Accadde oggi. 27 aprile 1789: l’ammutinamento del Bounty

Accadde oggi. Il 27 aprile 1789 il Bounty si ammutina. Una vicenda legata alla tradizione della marineria britannica che ha attraversato oltre due secoli, regalandoci un romanzo di Julius Verne e tre pellicole immortali. Una con Clark Gable del 1935, un’altra con Marlon Brando del 1962 e l’ultima con Mel Gibson del 1984.

Il Bounty un mercantile inglese salpato nel dicembre 1787  con la missione di raggiungere Tahiti doppiando Capo Horn. Missione non facile e che non riesce: dopo aver tentato per un mese di doppiare Capo Horn, il comandante William Bligh è costretto a raggiungere l’isola navigando verso est.

Al largo della Nuova Zelanda Bligh avvista alcune isole che battezza Bounty in onore della nave. All’arrivo a Tahiti l’equipaggio venne accolto calorosamente dal locale sovrano, che aiutò i marinai a rifornirsi di acqua e di viveri. Non solo, durante la sosta a terra ufficiali e marinai godono della compagnia delle donne dell’isola, i cui costumi sono molto più liberi rispetto a quelli della società inglese del tempo. Piaceri che intaccano lo stato d’animo di uomini di mare, abituati a stare anni lontani dalle case e nel mezzo del blu più sterminato.

Nel viaggio di ritorno la dura disciplina imposta dal comandante Bligh, insieme alla memoria di quel sogno tropicale, spinge due ufficiali – Fletcher Christian e Peter Heywood – a guidare un ammutinamento. Il Bounty torna dunque a Tahiti, dove si forma una piccola comunità di inglesi e di indigeni locali.

Quanto a Bligh, abbandonata la nave insieme a pochi rimastigli fedeli,  naviga per oltre 6000 km su una lancia. Al momento un record di percorrenza imbattuto per il tipo di imbarcazione. Riuscirà a tornare in Inghilterra e a fare inviare la HMS Pandora alla caccia degli ammutinati. Che nel frattempo si sono divisi fra chi è rimasto a Tahiti e chi si è spostato in isole vicine.

Alcuni saranno ricondotti in Inghilterra, processati e impiccati. Uno, John Adams, riceve il perdono per aver convertito al cristianesimo una piccola comunità di locali sull’ Isola di Pitcairn.

Sarà l’ammutinato che vivrà più a lungo. Si spense infatti nel 1829, quarant’anni dopo i fatti del Bounty.

 

 

 

 

 

(Fonte immagine di sfondo: foto di K. Kliche da Pixabay)

 

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

“History Minds”. Secondo appuntamento con Gianluca Mineo: “Ansia e Paranoia nella Storia”

Articolo successivo

Todi: una bella città medievale