Accadde oggi. 6/4/2009, il terremoto de L’Aquila

Attorno alle 3:32 del 6 aprile 2009 una scossa di terremoto di 5.9 scala scala Richter, si abbattè su L’Aquila, causando 309 morti, 1600 feriti e almeno 10 miliardi di euro di danni.

Danni non solo a case e ad infrastrutture industriali, bensì al patrimonio artistico del capoluogo abruzzese. Ne è stata tragica. ma chiarissima testimonianza il crollo della cupola della barocca Chiesa delle Anime Sante.

Fra i drammi che si consumarono quella notte e che forse più sconvolsero l’Italia vi fu, sicuramente, il cedimento della casa dello studente, costato alla vita a 8 ragazzi. Alcuni dei quali stranieri.

Lo sciame sismico si estese tuttavia ai comuni e alle frazioni dell’aquilano, lasciandosi alle spalle anche qui  vittime e macerie.

Nello stesso mese di aprile l’allora Governo Berlusconi adottò misure mirate per sostenere la popolazione.

Il Decreto Abruzzo stabilì la sospensione del pagamento dei contributi previdenziali, assistenziali e del premio delle assicurazioni, indennizzati dallo Stato.
Si pianificò di assegnare alle famiglie degli sfollati 100 euro a persona, incrementati nel caso in cui i nuclei famigliari avessero avuto disabili e anziani.
Ulteriore sforzo, affinché l’attenzione mediatica internazionale non scemasse, è stato organizzare il G8 proprio nella città colpita. Alcune nazioni, fra le quali USA, Francia e Russia, si impegnarono a contribuire all’opera di salvaguardia del patrimonio artistico.

Altro attore fondamentale fu il comparto Difesa. I militari italiani, infatti, si mossero subito per soccorrere la popolazione e per garantire una cornice di sicurezza. Nonché per prevenire atti di sciacallaggio che, purtroppo, si manifestarono in quei giorni dai furti nelle case distrutte alla “borsa nera”.

Grande è stata inoltre la partecipazione di associazioni di volontariato e di semplici cittadini direttamente sul campo o con raccolte fondi.

 

 

 

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Tomasoni di Terni: capitani di ventura immortalati nel Salone dei Cinquecento

Articolo successivo

Rivoluzione Americana. Quei mercenari Assiani che ispirarono Sleepy Hollow