Accadde oggi. Dieci anni fa l’ONU istituisce la Giornata Mondiale contro la Mutilazione Genitale Femminile

In occasione della Giornata Mondiale contro le Mutilazioni Genitali Femminili (istituita dall’ONU il 6 Febbraio 2012). riportiamo di seguito un esaustivo articolo pubblicato dal sito ufficiale del Parlamento Europeo.

Informarsi è importante, soprattutto per pratiche pericolose per la salute ed umilianti sotto il profilo umano, che affondano le loro radici in tempi antichissimi e che, nel corso dei secoli, purtroppo non sono state riviste, storicizzate né abolite.

___________________________________

 

(Fonte: ParlamentoEuropeo)

 

Mutilazioni genitali femminili: in quali paesi vengono praticate? Perché? Quali sono le conseguenze?

La mutilazione genitale femminile (MGF) si riferisce a procedure che comportano la rimozione parziale o totale dei genitali esterni femminili o altre lesioni ai genitali femminili per motivi non medici. Di solito vengono eseguite da un circoncisore tradizionale con una lama e senza anestetico. Sebbene sia internazionalmente riconosciuta come violazione dei diritti umani, si calcola che siano circa 68 milioni le ragazze in tutto il mondo che rischiano di subire questa pratica prima del 2030.

In quali paesi viene praticata la mutilazione genitale femminile?

La mutilazione genitale femminile viene praticata principalmente in circa 30 paesi dell’Africa e del Medio Oriente, ma anche in alcuni paesi dell’Asia e dell’America Latina e tra comunità provenienti da queste regioni.Anche se illegale nell’UE, e alcuni stati membri la perseguono anche quando viene eseguita fuori dal paese, si stima che circa 600mila donne che vivono in Europa siano state vittime di questa pratica, e che altre 180mila siano a rischio in 13 paesi europei.

Quali sono i motivi per cui si praticano le mutilazioni genitali femminili?

Le mutilazioni genitali femminili sono praticate principalmente su ragazze tra l’infanzia e i 15 anni. Le motivazioni sono collegate a una serie di ragioni culturali e sociali come la pressione sociale e la tradizione, insieme all’idea che sia una pratica sostenuta dalla religione e collegata a ideali di bellezza e purezza – ma in realtà la mutilazione genitale femminile precede la diffusione del Cristianesimo e dell’Islam e riflette profonde disuguaglianze tra i sessi.

 

 

 

__________________________________

Immagine di sfondo: in alcuni paesi l’infibulazione è praticata con strumenti arcaici, in contesti di scarsa igiene e senza alcun rispetto per la vita e per il dolore delle giovani vittime. Fonte immagine: qui

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Gli Assiani, i terribili mercenari tedeschi che ispirarono il Cavaliere senza testa di Irving

Articolo successivo

Porzus. “Osoppo”: dopo la strage comunista l’esperienza stay behind nella Guerra Fredda