Bosco Isabella: la piramide e il giardino massonico

Il Bosco Isabella è un giardino situato nella zona meridionale del borgo di Radicofani. Fu costruito su un terreno seminativo in un periodo che va dalla fine dell’800 alla Seconda Guerra Mondiale dalla famiglia Luchini. In particolare la realizzazione del giardino si deve a Odoardo Luchini (1844 – 1906), che fu garibaldino nella Terza guerra di indipendenza e poi deputato e senatore del Regno d’Italia e a sua moglie Isabella Andreucci (1842 -1924) da cui il giardino prende il nome, figlia anch’essa di un senatore. La costruzione fu poi portata avanti dalla figlia della coppia, Matilde Luchini (1871 – 1948) pittrice.

Luchini era stato spesso in Inghilterra e aveva una predilezione per i giardini all’inglese. Ma la sua seconda passione era la massoneria, cui Luchini apparteneva. Tanto che il bosco si presenta come una sorta di percorso iniziatico-esoterico. All’interno trovano spazio i resti di una costruzione antica a mura poligonali, probabilmente un luogo di culto di epoca etrusca o anteriore e i resti di un fortino senese che controllava la Via Francigena.

L’elemento più curioso, tuttavia, è la piramide fatta edificare in pietra a base triangolare nel centro del giardino, che rimanda all’appartenenza massonica del suo ideatore e dei suoi eredi: alcune cose che sembrano naturali sono studiate, come la disposizione di alcune essenze o alberi a gruppi di tre, numero simbolico, la giara interrata prima del piazzale che ricorda il catino del tempio di Salomone usato per le abluzioni, o i due grandi massi disposti all’inizio del sentiero che porta alla piramide, che rappresentano le due colonne del tempio salomonico Boaz e Jachin, la siepe di Bosso a forma di cerchio che rappresenta l’occhio che tutto vede, simbolo principe della massoneria.

 

Immagine via comune.radicofani.siena.it

 

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Marco Di Sarra: un incursore del Col Moschin nel Ruanda del ’94

Articolo successivo

Castelli di Cannero: la fortezza dei “pirati” del lago