Caduta di Mussolini: le carte dell’ultima seduta del Gran Consiglio all’Archivio Centrale dello Stato

Il 25 luglio ricorre l’anniversario dell’ultima seduta del Gran Consiglio del Fascismo: il volume L’ultima seduta del Gran Consiglio del Fascismo nelle Carte Federzoni acquisite dall’Archivio centrale dello Stato, pubblicato dalla Direzione Generale Archivi nella collana Saggi delle Pubblicazioni degli Archivi di Stato, raccoglie trascrizioni e riproduzioni di diverse stesure del verbale e dei testi di alcuni interventi pronunciati nel corso di quella ultima, drammatica, seduta, che ha sancito la fine del regime e della quale, per espressa volontà di Mussolini, manca un verbale ufficiale.

La documentazione relativa al Gran Consiglio del 25 luglio 1943 conservata nelle “carte Federzoni” comprende in particolare: pochi fogli di appunti presi a matita, un verbale più ampio, dattiloscritto evidentemente in un secondo tempo, e il testo degli interventi di alcuni membri del Gran Consiglio, pervenuti a Federzoni in momenti diversi, anche a distanza di anni.

Le versioni discordano tra di loro anche su aspetti molto significativi, quali l’effettiva stesura di un verbale, che secondo alcuni gerarchi sarebbe stato redatto a più mani da parte di alcuni dei partecipanti alla seduta, tra cui Bottai, Grandi e Bignardi, riuniti a casa Federzoni nel pomeriggio dello stesso 25 luglio e che potrebbe essere quello adesso ritrovato.

La Direzione generale Archivi aveva acquisito nel 2016 un nucleo di carte appartenute a Luigi Federzoni (1878-1967), uomo politico, scrittore, giornalista di grande prestigio nell’Italia fascista, perchè fossero conservate dall’Archivio Centrale dello Stato.

Questa acquisizione è stata presentata in occasione del convegno “Le carte ritrovate” del 30 maggio 2017, nel quale illustri studiosi di storia contemporanea hanno portato i loro contributi, raccolti oggi nei saggi presentati nel volume.

I documenti raccolti nel volume, insieme ai testi degli interventi, forniscono una vivida testimonianza dei fatti e delle parole che hanno segnato un passaggio cruciale della Storia recente.

 

___________________________________________________-

 

(Comunicato stampa a cura di: Ufficio Promozione e comunicazione, Ministero della Cultura, Direzione generale Archivi)

 

Di sfondo: 25 luglio 1943. Reazioni alla notizia della Caduta di Mussolini)

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Con la riconquista di Constantinopoli cade l’Impero Latino

Articolo successivo

Gli “angeli russi” a Messina: i soccorsi della Marina dello Zar dopo il terremoto