Il Cammino di Santiago: un’esperienza che ti cambia la vita

Il Cammino, a chi lo percorre da pellegrino, dà molto di più rispetto a chi lo intraprende da turista: cambia la vita. È un itinerario di conversione, nel senso etimologico della parola, per cambiare direzione, prospettiva. Si parte perché si vuole dare più significato alla propria vita, e, se si è pellegrini, si torna trasformati. Ma bisogna “farsi pellegrini”, cioè mettersi totalmente “a disposizione” di Colui che ci guida.

Pellegrinare è affidarsi, cioè: fidarsi del Solo di cui ci si può fidare. Quindi: a piedi, sì, ma senza organizzarsi troppo: zaino quasi vuoto, via tutte le zavorre, niente programmi, niente parenti o amici, niente cellulare. Si inizia il Cammino, sapendo che si potrebbe interromperlo e riprenderlo più volte o anche non arrivare mai. Sarà un altro a decidere. Un Altro: il Signore del tempo, che ci darà, se vuole, il tempo per arrivare: se questo è nel Suo progetto.

Altrimenti, inutile accorciare la strada, saltare dei pezzi, chiedere passaggi. Se si dovesse arrivare con questi stratagemmi, inutile dirsi pellegrini: in realtà, non si è vissuta l’esperienza del pellegrinaggio.

ACQUISTA LO SPECIALE

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Con “Napoleonica” il Bonaparte e i suoi soldati tornano al Forte di Bard

Articolo successivo

Santa Maria degli Angeli: l’antica cappella di Francesco