Castelli templari in Terrasanta: ecco quali erano

Disciplinati, vigili, leali e tecnicamente preparati, i Templari erano i difensori ideali per presidiare castelli e fortezze. In Terrasanta costruirono una quarantina di insediamenti fortificati più o meno grandi, dislocati lungo le vie di comunicazione, nelle aree strategiche, sulle strade battute dai pellegrini e lungo i confini: da qui era facile controllare il territorio e organizzare operazioni di difesa, di scorta, di soccorso o di attacco.

I più importanti erano a nord il castello di Baghras, in prossimità del passo di Belen, nell’odierna Turchia, costruito dai Templari intorno al 1153 e teatro di numerosi assedi; a sud, non lontano dalla Tripoli libanese, i presidi di Tortosa (oggi Tartus), Al-Arimah e Safita (Chastel Blanc); in Galilea i castelli di Safad (in Israele), di Chastellet (nei pressi del “Guardo di Giacobbe”, nodo cruciale per l’attraversamento del fiume Giordano lungo il collegamento fra San Giovanni d’Acri e Damasco) e La Fève (al-Fula); e ancora, Chateau Pélerin (Castello dei Pellegrini) nei pressi di Atlit, oggi in Israele e Ahamant in Oltregiordano. Altre cruciali strutture fortificate erano dislocate lungo le coste ad Acri, Cesarea, Ascalona e Tripoli per consentire gli approvvigionamenti dal continente.

A questa fitta rete templare si affiancavano le fortezze gestite dagli altri ordini, soprattutto gli Ospitalieri, di cui il cosiddetto Krak dei Cavalieri (oggi in territorio siriano, nei pressi di Homs) rappresenta l’esempio più imponente e meglio conservato. I Templari ne avevano acquistato uno simile a Safed, sul lago di Tiberiade, dotato di doppia cinta muraria e munito di un sistema di torri rotonde all’interno e quadrate agli angoli, con un grosso donjon (la torre rettangolare abitata, a più piani) e difeso da due fossati (uno interno e uno esterno). Fu distrutto completamente nel 1266 e mai più ricostruito.

Elena Percivaldi

Elena Percivaldi

Storica medievista, saggista e giornalista professionista, collabora con le principali riviste di alta divulgazione del settore storico: “Medioevo”, “BBC History” e “Storie di Guerre e Guerrieri”, “Conoscere la Storia”, “Civiltà Romana”. All'attività di relatrice in incontri, conferenze e convegni in tutta Italia affianca la curatela di mostre storico-archeologiche e di eventi storico-rievocativi. Fa parte di vari comitati scientifici e ha scritto una ventina di libri, alcuni dei quali tradotti anche all'estero.

Articolo Precedente

Von Clausewitz e il concetto di Schwerpunkt

Articolo successivo

9 giugno 1958: muore Fido, l’Hachiko italiano. Aspettò il padrone per 14 anni