Castello di Lagopesole: la dimora preferita di Manfredi

La struttura fortificata originaria venne eretta dai Normanni sullo spartiacque tra i fiumi Ofanto e Bradano, in Basilicata. Era un crocevia strategico: proprio qui passava il limes tra i territori bizantini e longobardi, poi tra Apulia e Principato, così come la strada di collegamento tra Benevento e la valle del Bradano. Fu poi Federico II, nel XIII secolo, a fare dell’iniziale roccaforte normanna un imponente castello dalla duplice funzione di residenza reale e presidio militare.

Il figlio Manfredi la elesse sua dimora preferita, tanto da privilegiarla alla capitale Palermo. Le dimensioni del castello, funzionali alle esigenze della sosta e di soggiorni prolungati, nonché la scelta della zona, testimoniano come Federico II l’avesse progettato quale residenza di caccia.

 

Immagine via commons.wikimedia.org, autore IlSistemone

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Castello di Beseno: dove la Serenissima fu fermata dai conti del Tirolo

Articolo successivo

9 luglio 1958: lo tsunami più devastante mai registrato