Colle Palatino: dominato dai maestosi palazzi imperiali

Il colle Palatino è dominato dai resti di maestosi palazzi imperiali, oggi parte del Parco Archeologico del Colosseo, come la Domus Flavia, costruita per volere di Domiziano nell’81 dopo Cristo o la celebre Domus Aurea. Nell’area sono tuttavia conservati anche i resti degli insediamenti dell’età del Ferro riferibili al più antico nucleo della città di Roma.

Sul  Palatino ebbero sede alcuni dei culti più antichi, tra cui quello della Magna Mater Cibele. Successivamente, in tarda età repubblicana, divenne il quartiere residenziale dell’aristocrazia romana, con eleganti dimore ornate da splendide decorazioni. Augusto scelse simbolicamente il colle come luogo della propria abitazione. Da vedere anche gli affreschi che abbelliscono la vicina Casa di Livia, parte dell’edificio in cui vissero Augusto e la moglie.

Nei periodi seguenti questa fu la sede dei palazzi imperiali, come la Domus Tiberiana, la Domus Transitoria, la sfarzosa Domus Aurea neroniana (l’area dei palazzi che la componevano si estende dal Palatino al Colle Oppio, ad oggi l’unica parte visitabile), e infine la Domus Flavia. Dalle planimetrie si evince come le residenze fossero tra loro collegate da un sistema di cunicoli sotterranei.

Il termine “palazzo”, oggi identificativo di un edificio residenziale, deriva dall’accostamento proprio tra il nome del colle e la presenza di dimore imperiali.

Sul Palatino sono ancora presenti anche costruzioni di epoca rinascimentale.

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Villa di Livia: la terza moglie di Augusto

Articolo successivo

Musei Capitolini: per approfondire la conoscenza della civiltà romana