Conoscere la Storia n.53: Egizi, la madre di tutte le civiltà

Se la Storia ci affascina tanto è perché sappiamo che le nostre radici affondano nel passato. Dalla Grecia abbiamo imparato la filosofia e il senso estetico, da Roma abbiamo ricevuto il diritto e le regole civili, dai popoli assirobabilonesi la scrittura e l’astronomia, da quelli islamici parte della matematica. Quando però ci chiediamo quale sia l’eredità della più longeva e grandiosa delle civiltà mediterranee, quella egizia, cui è dedicata la cover story di questo nuovo numero di Conoscere la Storia, la risposta non arriva così immediata.

La ragione è che il regno dei faraoni non ci ha insegnato una cosa soltanto, ma ha consegnato ai popoli circostanti, quindi anche a noi, quasi tutto ciò che va sotto il nome di “civiltà”. Man mano che gli archeologi mettono insieme il puzzle più complicato dell’età antica, i cui tasselli coprono l’immenso periodo di 3.500 anni, il quadro generale si fa sempre più sbalorditivo. Quella che i nostri padri conoscevano come una società dispotica e autoritaria rivela una modernità, un’armonia e una sensibilità che non hanno confronti tra i popoli coevi. D’altra parte, nessuna comunità potrebbe fiorire tanto a lungo senza saper garantire la pace sociale e una vita serena a tutti i suoi membri.

Certo, anche sotto gli occhi della Sfinge sono passati rivoluzioni, guerre e soprusi, ma per gran parte della sua lunghissima avventura l’Egitto si è mantenuto stabile e florido. Come se, imparando a domare e a trarre beneficio dalle acque di uno dei fiumi più grandi del pianeta, gli Egizi avessero capito anche come arginare i mali che affliggono la società umana.

ACQUISTA LA RIVISTA

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Sant’Antioco: torna la Summer School di Archeologia Fenicio-Punica

Articolo successivo

28 giugno 1914: Francesco Ferdinando assassinato a Sarajevo