Foro Romano: il cuore dell’Antica Roma

Del Parco Archeologico del Colosseo fa parte il Foro Romano. Qui si può ammirare il cuore di quella che era l’Antica Roma. La valle del Foro Romano tra il Palatino e il Campidoglio era anticamente una palude. Dalla fine del VII secolo a.C. dopo la bonifica della palude nella valle fu realizzato il Foro Romano che fu il centro commerciale, politico e religioso della vita pubblica romana per oltre un millennio. Il complesso non va confuso con quello confinante dei Fori Imperiali, sul lato opposto dell’omonima via, edificato soltanto in età imperiale.

Qui si trovano anche i resti di alcuni importantissimi edifici sacri, come il Tempio di Vesta e la Casa delle Vestali. In questa struttura, vivevano le sacerdotesse della Dea, a cui era affidato il compito di proteggere la fiamma sacra.

La maestosa Basilica di Costantino e Massenzio, la cui costruzione iniziò intorno al 308 d.C., non era invece un luogo di culto, ma uno spazio dedicato all’amministrazione della giustizia e degli affari. Al suo interno, vi era una colossale statua di Costantino, di cui rimangono solo alcuni pezzi, tra cui la testa (alta 2,60 metri) e un piede (lungo due metri), oggi al Palazzo dei Conservatori sul Campidoglio. Nell’area sorgono anche tre bellissimi archi. Quello di Costantino (tra il Colosseo e i Fori) fu
costruito per celebrare la vittoria su Massenzio del 312 d.C., mentre quello di Settimio Severo fu eretto nel 203 d.C. per festeggiare i dieci anni di regno dell’imperatore. Quello di Tito fu voluto nell’81 d.C. da Domiziano, in onore dei successi militari del fratello Tito e del padre Vespasiano.

L’ultimo monumento realizzato nel Foro fu la Colonna eretta nel 608 d.C. in onore dell’imperatore bizantino Foca.

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Massoneria. Breve storia dell’Ordine della Stella d’Oriente, solare e lunare ma non… “femminile”

Articolo successivo

Bache Bene Venies: il Movimento Turismo del Vino e l’Agricola Tamburini