Gugliemo di Cabestanh: la leggenda dell’uomo cui mangiarono il cuore

Peregrinando di corte in corte, il trovatore Guglielmo di Cabestanh giunse a Château-Roussillon, il cui vecchio castellano, Raimon, era sposato alla bella Sérémonde, di cui il giovane poeta s’innamorò, ricambiato. Accortosi del tradimento, Raimon uccise Guglielmo e, non soddisfatto, gli strappò il cuore, lo cucinò in salsa peverada e lo servì alla moglie, che lo mangiò con gusto. Quando, a fine pasto, le rivelò l’ingrediente speciale della pietanza, Sérémonde impallidì, ma senza scomporsi; anzi, rispondendo al crudele marito: “Signore, mi avete appena offerto un cibo così delicato che rifiuterò qualsiasi altro nutrimento per poter conservare questo gusto, che porterò con me fino alla morte“.

Dopodiché si uccise gettandosi dalla finestra. Re Alfonso d’Aragona, venuto a conoscenza dell’accaduto, condannò il suo vassallo al carcere a vita, dopodiché ordinò di riesumare il corpo di Guglielmo e di seppellirlo insieme a quello della sua amata e coraggiosa Sérémonde.

 

Note: l’articolo è contenuto nel numero 4 di Medioevo Misterioso, disponibile in digitale nello store Sprea Editori

Enzo Valentini

Nato nel 1953, si occupa di storia medievale, con particolare riferimento ai cavalieri templari e alle crociate. Oltre ad essere titolare della casa editrice Edizioni Penne e Papiri, specializzata in storia medievale, ha scritto vari libri sull’argomento e numerosi articoli su riviste di settore, in particolare “Medioevo Misterioso” e “BBC History”. Dal 1988 ricopre la carica di segretario della Libera Associazione Ricercatori Templari Italia (L.A.R.T.I.) e dal 2016 collabora con il Festival del Medioevo di Gubbio.

Articolo Precedente

12 luglio 1555: con la bolla “Cum nimis absurdum” Paolo IV emargina gli ebrei

Articolo successivo

Templi dell’Umanità di Damanhur: un moderno complesso sotterraneo tra ecologia, magia e religione egizia