Huey, il longevo elicottero made in Bell che non vuole andare in pensione

E’ forse uno dei velivoli meglio riusciti della storia dell’aviazione, il “B17 della Guerra del Vietnam” come lo ha definito qualcuno. Beh, proprio una “fortezza volante” no, semmai un aeromobile datato e con un design che oggi appare fuori tempo. Eppure molto  all’avanguardia per gli anni in cui fu concepito.

E’ il 1957 quando la statunitense Bell prepara il progetto per un elicottero multiruolo, capace di trasportare, sbarcare e far risalire a bordo fanti e feriti, ma pure fornire supporto aereo con armi leggere. L’anno dopo vede la luce Huey, dal nome di uno dei nipoti di “Paperino” meglio noto ai tecnici come UH-1 Iroquois (irochese, come la tribù nordamericana). E’ il velivolo simbolo della Guerra in Vietnam.

Sessant’anni dopo l’Huey è ancora in forza aeree di mezzo mondo, Italia compresa dove è in servizio con l’AVES.

La linea “205” ( nel nostro Paese è prodotto su licenza come Augusta Bell 205) ha cominciato ad essere dismessa nel 2000. Benché ormai tecnologicamente surclassati da versioni e modelli più recenti, la robustezza dell’aeromobile e il suo essere “spartano” lo hanno reso mezzo versatile sia per le esercitazioni, sia per l’addestramento dei piloti sia, ancora adesso, per operazioni di soccorso in ogni contesto. Eccetto quello operativo: in teatro estero, infatti, i “205” italiani non volano più da oltre una decade.

Anche negli USA  alcuni esemplari “upgradati” sono ad oggi usati dal Corpo dei Marines.

Nel 2020 lo Huey è, insieme al coevo B-52, il velivolo più longevo della storia del volo.

E che di andare in pensione proprio non vuol saperne.

 

 

 

Marco Petrelli

Marco Petrelli

Nato a Terni, una laurea in Storia e una in Storia e politica internazionale, è giornalista e fotoreporter. Si occupa di difesa, esteri e reportage... questi ultimi di solito caratterizzati da un bianco e nero ad alto contrasto. Collabora, fra gli altri, con BBC History, AeroJournal, Affari Internazionali. Amante del cielo, ha dedicato due titoli alla storia aeronautica.

Articolo Precedente

La “maledizione di Tanis”: quelle scoperte ingiustamente “dimenticate”

Articolo successivo

Aeronautica. Il Piaggio P180, icona del volo italiano, raccontato dal suo collaudatore