Il B52, icona dell’USAF, non andrà in pensione prima del 2040

Il Boeing B-52 è un aereo progettato negli Anni ’50 per sostituire il B-47 ‘Stratojet’, prodotto in circa 2000 esemplari fra il 1947 e il 1055, primo bombardiere strategico a reazione. Ancora prima, c’erano stati gli storici B-36 a turboelica che, a loro volta, avevano rimpiazzato i B-29 della Seconda Guerra mondiale. Il “52” mostra la sue doti di forza in Vietnam dove, fra il 1965 e il 1972, partecipa a numerose incursioni sul nord, subendo anche perdite (circa 24), ma infliggendo pesanti danni al nemico. Durante l’operazione Desert Storm, ai tempi della prima Guerra del Golfo, molteplici sono le missioni di volo, con un solo apparecchio precipitato per guasti tecnici. Un vero portento, dunque, capace di rovesciare le sorti di un conflitto: il carico (oltre 30 tonnellate di bombe e 20 missili AM nella versione “H”), l’autonomia (14 mila km) e il costo di 50 milioni di dollari ad esemplare ne hanno fatto, nei decenni, un perno delle guerre degli Stati Uniti al punto che il ritiro non è previsto prima del 2040. E vent’anni non passano in un attimo: perché allungare così tanto la vita operativa di un aereo che vola dalla metà degli Anni ’50?

È la stessa domanda che gli ufficiali della Usaf si sono posti quando è stata espressa la necessità di sostituire l’F-15 con il più moderno caccia da superiorità aerea F-22 capace, come accennato, di essere un vettore multiruolo. L’approvvigionamento dei nuovi velivoli è stato bloccato dall’amministrazione Obama per gli onerosi costi e F-15 continueranno, quindi, a volare per ancora un decennio al fianco degli F-35, nuovi ma meno costosi del “22”.

La vecchia gloria del Vietnam, dunque, resterà in linea per altri 20 anni. Finendo poi per essere progressivamente sostituito da velivoli più recente e tecnologicamente più avanzati per i quali, tuttavia, sarà necessario attendere tempo.

Un rinnovo tout court della flotta, infatti, potrebbe avere costi talmente elevati da non poter essere affrontati da una singola amministrazione. Specie in un periodo difficile come quello che stiamo vivendo.

 

 

 

(Foto immagine di sfondo: Foto di Military_Material da Pixabay)

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Bache Bene Venies. Incantina “Home Edition”: Bacco e i suoi piaceri ai tempi del Covid-19

Articolo successivo

“Un solo Sole in cielo, un solo Sovrano in Terra!”. Gengis Khan raccontato da Domenico Vecchioni