Il “Ballo delle Castagne”: la leggendaria serata a luci rosse dei Borgia. Con 50 prostitute

Domenica 31 ottobre 1501, Cesare Borgia invitò alcuni amici a cena: gli ospiti comprendevano suo padre, papa Alessandro VI, e sua sorella Lucrezia. Formalmente cardinale, e ora comandante degli eserciti papali, Cesare era noto per la vita lussuosa che conduceva. Ma, perfino per gli originali standard dei Borgia, il baccanale che divenne noto come “Ballo delle Castagne” si sarebbe rivelato una festa unica. Secondo il diario del funzionario papale Johannes Burckardt (italianizzato a volte come Giovanni Burcardo), che, a dire il vero, potrebbe avere un po’ esagerato la descrizione degli eventi, il banchetto si tenne negli appartamenti di Cesare in Vaticano.

Al loro arrivo, gli ospiti sarebbero stati accolti da cinquanta delle più esperte prostitute di Roma, le quali avrebbero danzato durante il banchetto,  all’inizio vestite, ma successivamente nude. Quindi, secondo Burckardt, “i candelabri… vennero rimossi dai tavoli e sistemati sul pavimento, e intorno vennero lanciate delle castagne, che le cortigiane nude raccolsero, strisciando su mani e ginocchia tra i candelabri, mentre il papa, Cesare e sua sorella Lucrezia osservavano”.

Come se questo non fosse abbastanza eccitante, Cesare avrebbe annunciato che ci sarebbero stati dei premi, come tuniche di seta, scarpe, berretti e altre cose, per gli uomini che fossero riusciti a “compiere più volte l’atto [sessuale] con le cortigiane”. Ovviamente, non potremo mai sapere se questa vicenda sia avvenuta davvero o meno. I Borgia furono spesso considerati degli arrampicatori rozzi e avidi, e la storia potrebbe essere stata messa in circolazione dai loro nemici.

In seguito, lo storico William Manchester abbellì ulteriormente il racconto e suggerì che papa Alessandro, che a quanto pareva “misurava la virilità di un uomo dalla sua capacità di eiaculare”, ordinò ai suoi servitori di tenere un conteggio progressivo degli orgasmi. Ma questo, senza dubbio, sembra davvero eccessivo per essere vero.

Cristiano Puglisi

Classe 1984. Laureato in Storia e Lettere moderne, Master in Editoria ed Executive master in Relazioni pubbliche. Esperto in comunicazione e relazioni istituzionali, collabora con Conoscerelastoria.it.

Articolo Precedente

Balcani. Serbia: i cetnici, guerriglieri e patrioti fra lealtà e collaborazionismo

Articolo successivo

Vlad l’Impalatore e la Battaglia di Târgoviste: la leggendaria crudeltà del vero Dracula