La conquista di Gerusalemme: quando i crociati massacrarono musulmani ed ebrei

Iniziata nel novembre del 1095, la prima crociata raggiunse il suo culmine sotto le mura di Gerusalemme quasi quattro anni dopo. Nel cuore dell’estate, davanti alle fortificazioni circa 12mila crociati prepararono l’assalto finale e la notte del 14 luglio lanciarono un attacco da due torri d’assedio. Due cavalieri provenienti da Tournai guidarono la carica contro la porta nord-orientale, presto seguiti da molti altri. Non appena la resistenza degli assediati si spezzò, il sangue cominciò a scorrere.

Il sacco di Gerusalemme fu un episodio di ferocia inaudita persino per gli standard dei crociati. Molti cittadini musulmani ed ebrei si rifugiarono presso la moschea di al-Aqsa e la Cupola della Roccia in cerca di riparo dalla furia degli invasori, ma invano: i crociati, riporta una cronaca dell’epoca, “uccisero e trucidarono fin dentro il Tempio di Salomone, dove il massacro fu tale che il sangue arrivava alle caviglie degli uomini”. In modo simile, il crociato Fulcherio di Chartres stimò che le vittime fossero decine di migliaia: “Se foste stati laggiù”, scrisse, “ci avreste visto con i piedi tinti fino alle caviglie dal sangue degli uccisi… Non fu risparmiato nessuno, nemmeno le donne e i bambini”.

Gerusalemme continuò a puzzare di morte per giorni, finché i leader crociati ordinarono ai sopravvissuti di ammucchiare i cadaveri fuori dalle mura. “Così i saraceni vivi trascinarono quelli morti fuori dalle porte”, riferisce un cronista, “e li ammassarono in cumuli grandi come case. Nessuno aveva mai assisto prima a un simile massacro di pagani, né ne aveva mai sentito raccontare: le loro pire funebri sembravano piramidi e nessuno se non Dio conosce il loro vero numero”.

 

NOTE: L’articolo compare sul numero 63 di BBC History, disponibile per l’acquisto nello store Sprea Editori

Mario Sprea

Mario Sprea

Giornalista professionista, direttore di diverse testate settimanali e mensili, autore di numerosi libri di narrativa, studioso e ricercatore di Storia delle religioni, esperto di divulgazione storica, responsabile di numerose riviste di Storia.

Articolo Precedente

31 agosto 1888: Mary Ann Nichols è la prima vittima di Jack lo Squartatore

Articolo successivo

La setta degli Assassini e l’uccisione di Corrado del Monferrato