La setta degli Assassini e l’uccisione di Corrado del Monferrato

Corrado del Monferrato, che divenne sovrano di Gerusalemme durante la terza crociata, era generalmente considerato uno degli uomini più notevoli della sua generazione. “Era forte in armi, estremamente intelligente sia per le doti intellettive naturali sia per istruzione, amabile per carattere e gesta, dotato di tutte le virtù umane, supremo in ogni consiglio, luminosa speranza della sua fazione e fulmine ardente per il nemico”, scrisse un cronista dell’epoca. Eppure fu eliminato.

La primavera del 1192 fu caratterizzata da un’aspra contesa tra lui e Riccardo I d’Inghilterra per il trono di Gerusalemme. Il 24 aprile, al sicuro nella sua fortezza a Tiro, Corrado ricevette la notizia di essere stato scelto come sovrano. Dopo soli quattro giorni, tuttavia, lo uccisero. Era ora di pranzo e Corrado stava tornando a casa dall’abitazione del suo amico Filippo, vescovo di Beauvais, quando fu avvicinato da due uomini che lo pugnalarono.

La morte giunse molto rapidamente. Uno dei sicari fu ucciso sul posto dai soldati di Corrado; l’altro, ferito, fu messo sotto tortura. Saltò fuori che era un membro degli Assassini o Nizariti, una famigerata setta sciita che si preparava agli omicidi assumendo copiose quantità di hashish. Il mandante del complotto fu quasi certamente Riccardo Cuor di Leone. Infatti, quando in seguito Riccardo fu fatto prigioniero da Leopoldo d’Austria, l’omicidio di Corrado fu uno dei capi d’accusa con cui Leopoldo legittimò la sua prigionia.

 

NOTE: L’articolo compare sul numero 72 di BBC History, disponibile per l’acquisto nello store Sprea Editori

Michela Lampronti

Michela Lampronti

Classe 1992, Laureata in Scienze dei Beni culturali con indirizzo storico-artistico e archeologico, Laurea magistrale in Storia e Critica dell’Arte, presso l'Università degli Studi di Milano, è specializzata in Storia dell’Arte Antica. Esperta in comunicazione e valorizzazione culturale, è attualmente traduttrice ed Editor professionista.

Articolo Precedente

La conquista di Gerusalemme: quando i crociati massacrarono musulmani ed ebrei

Articolo successivo

1 settembre 1939: la Germania invade la Polonia. Scoppia la Seconda Guerra Mondiale