La Statua della Libertà? Forse ispirata da una scultura del Duomo di Milano

Una Statua della Libertà in miniatura sulla facciata del Duomo di Milano. Che si tratti di un’imitazione? No di certo, assai più probabile il contrario. La Legge Nuova, statua scolpita nel 1810, è una delle due sculture ottocentesche che decorano il finestrone centrale della facciata. Fu scolpita dall’italiano Camillo Pacetti.

La Legge Nuova

Studente dell’Accademia di San Luca, dopo aver lavorato in diverse chiese romane, nel 1804, proposto da Antonio Canova, ricevette l’offerta per una cattedra di Scultura dell’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Fu in questo periodo che accettò diverse commesse pubbliche in diverse chiese milanesi tra cui, appunto, la più prestigiosa, il Duomo.

L’impressionante somiglianza con la celebre scultura di Frédéric-Auguste Bartholdi, inaugurata nel 1886, ha fatto ritenere che sia stata il modello per il monumento simbolo di New York. Tuttavia va detto che Bartholdi non la menzionò mai. L’ispirazione dell’autore, massone, fu comunque certamente suggerita da altre opere di derivazione illuministico-massonica, come, per esempio, la statua della Libertà e della Poesia, dello scultore Pio Fedi, situata nella basilica di Santa Croce a Firenze.

 

Immagini via facebook.com

conoscerelastoria.it

Redazione di Conoscerelastoria.it

Articolo Precedente

30 giugno 1908: una terrificante e misteriosa esplosione nei cieli della Siberia

Articolo successivo

1 luglio 1457: inizia a Milano la costruzione del Naviglio della Martesana