Libri. “Le Spie del Duce” di Domenico Vecchioni

“Le Spie del Duce” di Domenico Vecchioni

Le Spie del Duce di Domenico Vecchioni (Edizioni del Capricorno, 2020) è un’interessante studio dedicato ad una pagina di Storia a lungo trascurata. Tanto per colpa di una storiografia non sempre attenta a certi argomenti, quanto per la predisposizione, tutta italiana, a considerare i servizi segreti nostrani non all’altezza del loro compito.

In realtà i network di spie che operarono nel Ventennio mussoliniano ebbero un peso significativo sulla scena nazionale ed internazionale, che Vecchioni analizza con obiettività e con un approccio scientifico alla ricerca. E con un’esperienza maturata in anni ed anni di pubblicazioni dedicate proprio alla Storia dell’intelligence.

Lo scopo, naturalmente, non è riabilitare o rivendicare meriti quanto capire l’effettivo ruolo delle agenzie italiane di allora, nel periodo a cavallo fra l’ascesa di Benito Mussolini e il 1945.

Nato ad Atri nel 1945, diplomatico, Vecchoni* ha all’attivo 32 titoli per la maggior parte dedicati allo spionaggio. Gli ultimi editi, in ordine di tempo, per le Edizioni del Capricorno sono:

Le dieci operazioni segrete che hanno cambiato la Seconda guerra mondiale, 2018

Le dieci spie donna che hanno cambiato la storia, 2019

Collabora con conoscerelastoria.it per la quale cura la rubrica “Dittatori”.

Un’anteprima di Le Spie del Duce è già uscita sui quotidiani locali del Nord Est l’Arena di Verona e il  Giornale di Vicenza. Per le librerie bisognerà attendere  il 14 maggio.

 

*Già Ambasciatore d’Italia, saggista e storico. Ha al suo attivo numerose biografie storico-politiche (tra cui “Evita Peron” e “Raul Castro”) e studi sulla storia dello Spionaggio (tra cui “Storia degli agenti segreti. Dallo Spionaggio all’Intelligence” e “le 10 spie donna che hanno fatto la Storia”).

 

 

(Fonte immagine: qui)

 

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Todi: una bella città medievale

Articolo successivo

Seconda Guerra Mondiale: gli ultimi atti di una tragedia senza pari