Mogli e amanti: le tante donne di Napoleone Bonaparte

Napoleone Bonaparte, oltre che per le sue campagne militari, è famoso per la sua appassionata vita sentimentale. Ebbe, infatti, un considerevole numero di amanti, tra cui alcune molto note, come, per esempio, Giuseppina Grassini (1773-1850), talentuoso contralto italiano conosciuto a Milano; Pauline Fourès (1778-1869), moglie di un ufficiale francese, soprannominata “la Cleopatra di Napoleone”, perché incontrata dalBonaparte durante la Campagnad’Egitto; Eleonora Denuelle (1787-1868), la quale, lettrice della sorella di Napoleone, Carolina, diede all’Imperatore il suo primo figlio accertato, Carlo Leone Denuelle (1806-1881); e poi Maria Walewska (1786-1817), di origine polacca, da cui l’uomo ebbe un altro figlio illegittimo, Alessandro Floriano Giuseppe Colonna-Walewski (1810-1868).

Mentre si lasciava facilmente trasportare da numerose avventure, egli si sposò “solo” due volte. La prima, nel 1796, con una donna di sei anni più grande e già madre di due figli, Giuseppina di Beauharnais (1763-1814), vedova del visconte Alexandre (1760-1794), generale rivoluzionario morto sulla ghigliottina durante il cosiddetto “Regime del Terrore” di Robespierre. Presumibilmente a causa dell’infertilità di lei, però, i due finirono per separarsi nel 1809. L’anno successivo, Napoleone si unì in matrimonio a Maria Luisa d’Asburgo-Lorena (1791-1847), primogenita dell’Imperatore d’Austria Francesco I, già Francesco II del Sacro Romano Impero (1768-1835). Da Maria Luisa ebbe il tanto desiderato erede, Napoleone Francesco Giuseppe (1811-1832), soprannominato “l’aiglon”, ossia “l’aquilotto”, il quale morì di tisi a soli 21 anni.

Elisa Filomena Croce

Elisa Filomena Croce

Classe 1990. Laureata in Storia presso l'Università degli Studi di Milano, specializzazione in storia socio-religiosa del mondo antico. Appassionata di archeologia sperimentale. Attualmente caporedattrice e autrice di articoli su riviste di Storia.

Articolo Precedente

Yarmuk: il luogo che segnò l’ascesa dell’islam. E cambiò il mondo

Articolo successivo

17 giugno 1994: l’arresto in diretta televisiva di O.J. Simpson