Necropoli di San Giuliano: nel Parco Regionale Marturanum

La Necropoli di San Giuliano si trova nel Parco Regionale Marturanum, a Barbarano Romano, ed è una delle necropoli rupestri più interessanti della storia etrusca. Essa presenta una significativa varietà di tombe, che vanno dal VII al II secolo a.C.: a tumulo, a palazzina, a portico o a dado. Come l’antica città di Marturanum, posizionata in un’ottima posizione strategica, nel cuore dell’Etruria, raggiunse il suo massimo splendore nel VI sec. a.C., così anche la necropoli vide la sua massima espansione nello stesso periodo.

Le tombe più importanti da visitare sono almeno cinque. Il Tumolo del Caiolo, scavato nel tufo, presenta un vestibolo e una camera funeraria, separati da possenti colonne. Il soffitto è scolpito a travi. Ci sono, poi la Tomba dei Carri e la Tomba dei Letti, così chiamata per la presenza di due letti per bambini posti vicino a quelli di dimensioni regolari per adulti.

La Tomba della Regina (V sec. a.C.) è un’imponente sepoltura a semidado, con una facciata monumentale alta circa 10 metri. La Tomba del Cervo, infine, presenta una meravigliosa scultura a bassorilievo che le dà il nome: un cervo attaccato da un lupo, oggi simbolo del Parco. Da vedere anche la vicina rocca medievale di San Giuliano, dove dominano i resti di una chiesa romanica. Il percorso nel parco è mozzafiato e relativamente accidentato, quindi la visita è consigliata soprattutto agli appassionati di passeggiate nella natura e trekking.

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Parco Tematico della Grande Guerra: per rivivere le battaglie sul Carso

Articolo successivo

“Nascita di una nazione”: il film, bianco, che racconta l’America fondata dal Klan