Palazzo Reale di Portici: splendido e sfarzoso

I lavori per lo splendido e sfarzoso Palazzo Reale di Portici vennero inaugurati nel 1738 e, nel corso degli anni, furono affidati e seguiti da celebri maestri, come Giovanni Antonio Medrano, Antonio Canevari, Luigi Vanvitelli e Ferdinando Fuga. Fu voluto da Carlo di Borbone e dalla moglie Maria Amalia di Sassonia.

Secondo alcune fonti, i sovrani furono costretti, durante una tempesta, ad approdare proprio a Portici. Rimasti incantati dal luogo, lo scelsero come nuova dimora estiva della Corte. Tra le attrazioni più belle e lussuose del complesso, risaltano la Sala del Trono, la Sala delle Guardie, il maestoso Scalone, la Cappella barocca. I dettagli più originali sono, però, i mosaici, le statue e altri antichi reperti provenienti principalmente dagli scavi di Ercolano, che furono riutilizzati durante la costruzione per impreziosire vari ambienti del palazzo. Nel 1758, in un’ala dell’edificio, con i tanti e significativi ritrovamenti archeologici dell’area vesuviana venne addirittura allestito il Museo Ercolanense. Unico nel suo genere, esso attirava numerosi visitatori e, parallelamente, lodava i Borbone, grazie ai quali la grandezza di queste antichità sepolte era riemersa.

Degno di nota è anche il parco, abbellito da giardini all’inglese, fontane (molto graziosa quella delle Sirene), sculture e perfino un anfiteatro. La presenza reale nella zona portò alla costruzione del porto del Granatello nel 1773 e convinse tante famiglie nobili ad acquistare o costruire residenze private nelle vicinanze, le cosiddette Ville Vesuviane del Miglio d’Oro.

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Castello di Rivoli: un’antica dimora sabauda

Articolo successivo

Villa Floridiana: il museo della ceramica