Celeste Lo Porto, la giovane ebrea che lavorava per la Gestapo

    “Se non dovessi rivedere la mia famiglia, sappiate che è colpa di Celeste. Arvendicateme”. Sono le ultime parole, incise sul muro della cella, di Lazzaro Anticoli detto “Bucefalo” (stesso nome del cavallo di…