Turchia: si riempie la diga, addio a un millenario centro mesopotamico

Il mondo intero deve dire addio a Hasankeyf, uno tra i centri più importanti dell’antica Mesopotamia, affacciato sul fiume Tigri. La cittadina si trova infatti, insieme ad altri 199 villaggi, all’interno del bacino della enorme diga di Ilisu, nella provincia sudorientale di Batman, in Turchia, a maggioranza curda, il cui processo di riempimento è iniziato nelle ultime ore. I quasi seimila abitanti della zona saranno trasferiti in una nuova città appositamente costruita.

I monumenti millenari (l’insediamento avrebbe sulle spalle circa 12mila anni di storia), sono stati portati via con operazioni fortemente criticate dagli archeologi. Il progetto della diga, avviato nel 2006 e costato 1,3 miliardi di euro, è slittato nel tempo proprio a causa delle preoccupazioni per i danni al patrimonio archeologico, che hanno provocato nel tempo il ritiro di diversi finanziatori.

Attivisti e ambientalisti hanno lanciato nelle ultime ore un disperatto appello sui social con l’hashtag “non è troppo tardi per Hasankeyf” (#HasankeyfIcingGecDegil).

 

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Schiavi nell’antica Roma: una condizione infame

Articolo successivo

Far West Gazette n.13: Toro Seduto, l’ultimo dei grandi capi