Umbertide: il borgo e la sua rocca

Sulla strada per Città di Castello valgono una sosta il borgo di Umbertide e la sua Rocca, simbolo della città. Massiccia fortezza medioevale con una torre quadrata di oltre 30 metri, due torrioni circolari e mura di oltre due metri di spessore, che si affaccia sul torrente Reggia. Anticamente era usata come carcere e aveva due porte con tanto di ponti levatoi.

A Umbertide si trova una delle diverse chiese dedicate a San Francesco costruite dai frati minori. È la più antica della cittadina e sorse alla fine del XIII secolo, seguendo il modello caratteristico delle chiese degli ordini mendicanti: una sola navata, tetto in travatura, finestroni bifori o trifori. La navata laterale sinistra è un’aggiunta successiva. All’interno è conservata una tela con la Madonna, il Bambino e alcuni santi, fra i quali il Poverello di Assisi, firmata da Niccolò Circignani, detto il Pomarancio.

La Collegiata di Santa Maria della Reggia, di pianta ottagonale, risale al XVI secolo e fu costruita su insistente richiesta dei cittadini per racchiudervi un’immagine ritenuta miracolosa che era affrescata in una cappella dei dintorni.

 

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Storia in pillole. Pietro Cappellari ricostruisce le fasi dello Sbarco alleato in Sicilia

Articolo successivo

“Le donne i cavalier l’armi gli amori” racconta la Corsa all’Anello di Narni