Villa Emo: una nobile e simmetrica dimora veneta

La nobile famiglia veneta degli Emo commissionò al Palladio una villa nei pressi di Fanzolo intorno al 1558. Simmetrica, essenziale, funzionale, elegante ed immersa nel verde, essa presenta un corpo centrale con pronao innalzato su un basamento, due ampie barchesse colonnate laterali, destinate alle attività agricole, e due torri colombare.

In opposizione a degli esterni semplici, gli interni sono sontuosamente affrescati con temi mitologici e bucolici, che mostrano una sensibile attenzione alle allegorie agrarie. Tali decorazioni vennero realizzate da Giovanni Battista Zelotti, pittore veneziano con cui il Palladio collaborò spesso.

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Torino. Palazzo Reale: il simbolo della gloria sabauda

Articolo successivo

Villa Godi: il progetto di un giovane Palladio