Villa Reale di Monza: la Reggia del Piermarini

La Villa Reale o Reggia di Monza fu costruita, all’interno di uno spettacolare parco, su un progetto dell’architetto Giuseppe Piermarini per volontà dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria tra il 1777 e il 1780. L’imperatrice voleva realizzare una residenza estiva per il figlio Ferdinando d’Asburgo, governatore generale della Lombardia austriaca.

Piermarini progettò un edificio in stile sobrio e neoclassico, ma comunque  ispirato nelle dimensioni e nella disposizione alla grandiosità della reggia borbonica di Caserta, alla cui realizzazione aveva partecipato come allievo del Vanvitelli. Al corpo centrale di rappresentanza furono poi aggiunte due ali laterali  e altre due sezioni perpendicolari al corpo principale, che furono destinate alla servitù, alle stalle e agli attrezzi, per un totale di quasi settecento stanze.

Con l’incoronazione dell’imperatore francese Napoleone Bonaparte a Re d’Italia nel 1805, la Villa divenne residenza del figliastro Eugenio di Beauharnais. La caduta del Bonaparte e la Restaurazione ridiedero il possesso della Reggi agli austriac, che con l’Unità d’Italia la persero a favore dei Savoia.

La Reggia fu teatro di uno degli eventi più drammatici della dinastia sabauda: l’assassinio, proprio a Monza, di Umberto I per mano dell’anarchico Gaetano Bresci. Il figlio, Vittorio Emanuele III, decise di abbandonare la villa e successivamente la donò ai comuni di Monza e Milano. La riapertura al pubblico, in tutto il suo splendore, della Villa Reale di Monza (che si trova all’interno del parco recintato più grande d’Europa) dopo anni di totale incuria e un corposo intervento di restauro è del 2014.

 

Immagine via Facebook

 

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Vlad l’Impalatore e la Battaglia di Târgoviste: la leggendaria crudeltà del vero Dracula

Articolo successivo

Sigonella, 1985. Quando l’orgoglio nazionale indossava la “piatta” della VAM