27 luglio 1993: la strage mafiosa di via Palestro a Milano

Il 27 luglio del 1993 sarà ricordato per gli attentati mafiosi compiuti a Roma e Milano, che si inserirono nella più vasta serie di attacchi frontali della mafia contro lo Stato italiano, compiuti nel biennio 1992-1993, comprensiva degli attentati ai magistrati Falcone e Borsellino e della strage di via dei Georgofili a Firenze.

Quel giorno, dopo aver rubato tre Fiat Uno, uomini di Cosa Nostra le imbottirono di esplosivo e le posizionarono nei pressi delle chiese di San Giorgio al Velabro e San Giovanni in Laterano a Roma e della Galleria d’arte moderna a Milano.

Le tre auto furono tutte fatte esplodere nel giro di circa mezz’ora. Le due chiese romane subirono ingenti danni ma non vi furono vittime. A Milano, purtroppo, andò peggio: oltre ai danni alla Galleria e al vicino Padiglione di arte contemporanea l’esplosione provocò il ferimento di 12 persone e la morte di altre cinque. Persero la vita i vigili del fuoco Carlo La Catena, Sergio Pasotto e Stefano Picerno, il vigile urbano Alessandro Ferrari e Driss Moussafir, un marocchino 44enne che si trovava su una panchina nei paraggi.

 

Cristiano Puglisi

Classe 1984. Laureato in Storia e Lettere moderne, Master in Editoria ed Executive master in Relazioni pubbliche. Esperto in comunicazione e relazioni istituzionali, collabora con Conoscerelastoria.it.

Articolo Precedente

Trireme: la freccia delle acque con cui Roma conquistò il mare

Articolo successivo

Alla ricerca del Graal: lo sviluppo di una leggenda