Castello di Beseno: dove la Serenissima fu fermata dai conti del Tirolo

È la più grande struttura fortificata del Trentino-Alto Adige (250 metri di lunghezza e 50 metri di larghezza) e occupa la sommità di una collina, da cui si domina la Vallagarina. Una posizione strategica che ha fatto di questa fortezza, le cui prime notizie certe risalgono al XII secolo, la testimone di numerosi scontri per il controllo del territorio. Sotto le sue mura si svolse, nel 1487, la battaglia di Calliano, in cui Venezia si scontrò con i trentini e i conti del Tirolo.

Per la Serenissima fu una sconfitta rovinosa: 1.500 caduti, compreso il comandante Roberto Sanseverino d’Aragona, annegato nelle acque dell’Adige. A violare le solide mura del forte ci provarono inutilmente anche i napoleonici, respinti dagli austriaci dopo alcuni giorni di sanguinoso assedio.

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Castello di Malcesine: una sentinella sul lago

Articolo successivo

Castello di Lagopesole: la dimora preferita di Manfredi