Cent’anni dell’Istituto Italiano di Cultura di Praga, protagonista Toni Servillo

Le celebrazioni per il centenario della fondazione dell’Istituto Italiano di Cultura di Praga – primo baluardo della diplomazia culturale italiana nel mondo – sono entrate nel vivo nei giorni scorsi con lo spettacolo “Le voci di Dante”, al Teatro ABC di Praga; in scena Toni Servillo. Lo spettacolo, prodotto dal Piccolo Teatro di Milano, ha proposto un viaggio narrativo nel segno di Dante e di un patrimonio culturale unico al mondo qual è quello rappresentato dalla Divina Commedia. Una rappresentazione teatrale che ha affrontato una delle opere fondanti della letteratura mondiale attraverso l’originale chiave di lettura offerta da uno scrittore napoletano contemporaneo, Giuseppe Montesano. L’evento, che ha registrato il tutto esaurito, è stato realizzato in collaborazione con il MAECI.

Sempre nell’ambito delle celebrazioni per il centenario dell’IIC, Toni Servillo ha inaugurato presso il kino Lucerna di Praga la X edizione per la Repubblica Ceca deI MittelCinemaFest, il Festival centro europeo del cinema italiano contemporaneo. L’evento, che ha riscosso un grande successo di pubblico, ha visto l’attore napoletano presentare il film “Qui rido io”, la pellicola di Mario Martone che lo vede protagonista nei panni di Eduardo Scarpetta.

Presente all’inaugurazione anche l’Ambasciatore d’Italia a Praga, Mauro Marsili, che ha sottolineato le particolari sinergie che da sempre caratterizzano il MittelCinemaFest:

La grande visibilità e il prestigio del Festival – ha detto – si devono al lavoro e all’impegno di tutti gli attori del Sistema Italia presenti in Repubblica Ceca, così come alla proficua collaborazione di Cinecittà e del Cinema Lucerna, nonché al sostegno della Città di Praga e di alcune aziende italiane attive sul territorio”.

La rassegna proseguirà fino all’8 dicembre, alternando la proiezione delle opere più recenti di grandi registi quali Paolo Virzì, Mario Martone, Gianfranco Rosi, Gianni Amelio, Giuseppe Tornatore e Francesca Archibugi, alle produzioni di autori emergenti. Una serata speciale è in programma il 6 dicembre con il concerto “Omaggio a Morricone”, un tributo al grande compositore, direttore d’orchestra e arrangiatore italiano a cura dell’orchestra Czech virtuosi e del soprano Vera Talerko, sotto la direzione del M° Walter Attanasi.

 

______________________

 

(Nota stampa e locandina a cura di: Sala Stampa Farnesina. Immagine di sfondo: Foto di Martin Vaclavik da Pixabay)

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Reggia di Capodimonte: una residenza museo

Articolo successivo

Influencer: Axis Sally “insegna” che non è un mestiere da improvvisare