“Sapore di Mare”: quella gita a bordo del Riva Aquarama

Non si pole! Il Commendatore è gelosissimo della su barca!“. Inizia così una delle sequenze più famose di Sapore di Mare (1983), la gita sulla barca del Commendator Carraro di Luca, Felicino e dei loro amici di Forte dei Marmi. Ed è vero, non solo il Commendator Carraro (Ugo Bologna) ma chiunque abbia posseduto o possegga un motoscafo Riva ne sarebbe estremamente geloso.

Il film, che ha fatto epoca, è una commedia estiva e nostalgica nella quale non mancano splendidi riferimenti agli spensierati Sessanta. La gita in barca di Luca e dei suoi amici finisce male, con il motore fuso ma tutti se la cavano con una punizione leggera. Nella realtà i danni sarebbero stati ben più gravi, considerando che il primo modello, presentato al pubblico nel 1962, costava 10 milioni e 800 mila lire (132.623 euro). E negli anni la barca ha continuato a mantenere alto il suo livello di esclusività.

Il motoscafo del film è un po’ più moderno rispetto al periodo di ambientazione: la serie 483 uscì infatti agli inizi degli Anni Settanta, dunque 5-6 anni dopo rispetto alla collocazione temporale degli eventi. Ma poco importa: a meno che non si sia un cultore del genere, difficile cogliere queste sottigliezze. E, dettagli a parte, la scelta dei Vanzina fu tutt’altro che sbagliata: i motoscafi Riva sono stati senza alcun dubbio l’icona dell’Italia del boom economico.  Nonché il motoscafo simbolo dei divi degli Anni Sessanta da Anita Ekberg a Brigitte Bardot, da Liz Taylor e Richard Burton (che sembra lo usassero addirittura come tender) a Sophia Loren. Senza contare teste coronate e ricchi imprenditori che lo hanno posseduto.

Con i suoi motori GM Riva V8 da 220 cavalli l’uno, il 483 è gioiello del collezionismo, reso ancor più raro dalla particolarità delle  prese d’aria sulle fiancate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

_______________________

Immagine di sfondo: dal film Sapore di Mare. Luca Carraro (Jerry Calà) cerca di convincere il bagnino Morino (Ennio Antonelli) a fargli prendere il motoscafo del padre ormeggiato alle loro spalle.

 

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

19 luglio 1992: nella strage mafiosa di via D’Amelio muore il giudice Paolo Borsellino

Articolo successivo

Domenico Vecchioni, i grandi traditori della Storia. Benedict Arnold, il primo traditore degli USA