Grotta di Acquacadda (Sulcis): nuovi scavi per conoscere la Sardegna prenuragica

Sono partite oggi, lunedì 2 settembre, nuove ricerche con una campagna di scavi da parte dell’Università degli Studi di Cagliari nella grotta di Acquacadda a Nuxis, nel Sulcis, per conoscere la storia della Sardegna prenuragica e indagare sul passaggio dalla cultura di Monte Claro, nell’età del Rame a quella di Bonnannaro, nella prima età del Bronzo, per capire quale ruolo quest’ultima abbia avuto nella formazione della successiva civiltà nuragica.

L’attenzione, nello specifico, è rivolta al DNA, alla dieta delle popolazioni di quattro-cinquemila anni fa e alle cause di morte degli antichi abitanti dell’isola. Un focus particolare è posto anche sull’estrazione dei metalli e sulle attività metallurgiche effettuate dalle popolazioni locali a partire dal III millennio a.C.

A dirigere l’intervento è Riccardo Cicilloni, docente e ricercatore di Preistoria e Protostoria, in collaborazione con Elisabetta Marini, del dipartimento di Scienze della vita e dell’Ambiente. Lo scavo si svolgerà per tutto il mese di settembre ed è stato reso possibile grazie alla concessione da parte del MIBAC.

Il sito della grotta di Acquacadda (o Grotta de Su Montixeddu), frequentato a scopo funerario almeno dall’età del Rame, è già noto in letteratura dagli anni Sessanta.  Alla ricerca archeologica sul campo si alterneranno una serie di attività di tipo divulgativo, a cui prenderanno parte studiosi provenienti da più parti d’Europa.

 

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

La tragica morte di Buddy Holly. “The day the music died”

Articolo successivo

3 settembre 1943: firmato l’armistizio di Cassibile