Il mistero William Shakespeare: in realtà era siciliano?

Il mistero che avvolge molte pagine della vita del celebre scrittore inglese William Shakespeare ha dato adito alle speculazioni e alle ipotesi più ardite: secondo alcuni, addirittura, il Bardo non sarebbe mai esistito; secondo altri, sarebbe stato solo lo pseudonimo dietro il quale si celava la vera identità dell’autore delle opere. Tra i nomi che circolano, i più illustri sono quelli di Francis Bacon e Christopher Marlowe, ma per qualcuno il vero Shakespeare non sarebbe stato nemmeno inglese, bensì… italiano.

All’inizio del XX secolo, il giornalista Santi Paladino individuò nel messinese Michelangelo Florio, un francescano convertitosi al protestantesimo e rifugiatosi in Inghilterra, il vero autore delle opere attribuite a Shakespeare, il quale sarebbe stato invece solo l’attore con cui Florio avrebbe collaborato per la versione inglese dei testi.

Secondo il professor Lamberto Tassinari, invece, l’autentico “Bardo” sarebbe stato il figlio di Michelangelo, Giovanni Florio. All’inizio del XXI secolo l’ipotesi dell’identità Shakespeare/Florio è stata rilanciata dal professor Martino Iuvara, nel suo saggio “Shakespeare era italiano“, nel quale il docente raccoglie quelle che considera le evidenze a favore della teoria; oltre alle coincidenze biografiche tra i due personaggi, vengono menzionati la grande conoscenza dell’Italia e della Sicilia (Molto rumore per nulla si svolge a Messina), il gran numero di opere ambientate nella nostra penisola e perfino il nome della madre di Michelangelo Florio, Guglielma Crollalanza, che ne avrebbe ispirato lo pseudonimo: in inglese “Guglielmo” è William, mentre “crolla” ovvero “scuoti” corrisponde a shake e “lanza / lancia” a spear.

Guglielmo Duccoli

Guglielmo Duccoli

Nato a Milano nel 1963, giornalista pubblicista, ha diretto diversi periodici di divulgazione storica. Attualmente è Senior Editor dei bimestrali «Conoscere la Storia», «Medioevo misterioso», «Civiltà romana» e «Far West Gazette» per conto di Sprea Editori.

Articolo Precedente

Francia, gli ultimi fucilati: i 4 dell’OAS giustiziati dal Governo francese

Articolo successivo

“La Goliardia… piazza per piazza”. La parola ai goliardi nella nostra nuova rubrica