“La Propaganda Italiana nella Grande Guerra” di Andrea Cotticelli: storia e immagini di una guerra mondiale

La copertina del libro di Andrea Cotticelli

Nel policromo e variegato ambiente delle pubblicazioni storiche dedicate alla Grande Guerra, segnaliamo con piacere l’ interessante volume di un nostro collaboratore, Andrea Cotticelli:

La Propaganda Italiana nella Grande Guerra (Pagine, coll. “I libri del Borghese”, 2020).

Romano, classe 1982, giornalista professionista con alle spalle importanti collaborazioni, Cotticelli ripercorre un capitolo particolare della Prima Guerra Mondiale, le attività propagandistiche del Regno d’Italia volto al sostegno delle truppe e del morale della popolazione.

Particolare ed importante, considerata l’asprezza di un conflitto che, prima di arrivare allo storico, glorioso (e liberatorio) proclama di Armando Diaz del 4 novembre 1918, è stato segnato da battaglie estremamente sanguinose e da sconfitte, come Caporetto, capaci di mettere a dura prova lo spirito del Popolo italiano.

Popolo che, tuttavia, esce vittorioso e rinvigorito dall’arduo compito che è stato chiamato a sostenere.

“«Vittoria! Vittoria! Vittoria» sono le parole che echeggiano sulle testate dei giornali quando i militari italiani entrano a Gorizia e le pagine si riempiono di articoli colmi di ammirazione per gli indomiti soldati, mentre cartoline di propaganda diffondono immagini satiriche sulla scomposta ritirata degli austriaci” spiega l’Autore che ha arricchito il suo studio con un prezioso patrimonio iconografico fatto di cartoline, articoli di giornale, stampe alcuni forse noti altri decisamente inediti.

Da leggere!

 

 

 

 

 

__________________________

Foto di sfondo: per gentile concessione di Andrea Cotticelli

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Accadde oggi. La carica di Isbuscenskij del Savoia Cavalleria

Articolo successivo

Casa Natale di Benito Mussolini: dove nacque il Duce