Museo Tazio Nuvolari: la leggenda del “mantovano volante”

Inaugurato nel 1985 sulla base di una precisa disposizione testamentaria del pilota, che affidò il suo patrimonio di trofei e cimeli sportivi all’Automobile Club di Mantova, di cui fu presidente per sette anni, dal 1946 alla sua scomparsa, il Museo Tazio Nuvolari raccoglie la storia e le imprese del “mantovano volante”, asso leggendario delle due e delle quattro ruote tra le due guerre mondiali e poi fino agli albori degli anni Cinquanta.

Dal 1985 fino alla fine del 2008 il Museo fu collocato in un’ala del trecentesco Palazzo del Podestà, in piazza Broletto. A seguito di un’ordinanza della Pubblica Amministrazione, che per quegli stessi spazi prevedeva altri utilizzi, il museo venne chiuso.
Un’esposizione temporanea fu allestita, da settembre 2010 a dicembre 2011, presso le suggestive Sale del Capitano, nel complesso di Palazzo Ducale.  Finalmente, il 16 novembre 2012, nel 120esimo anniversario dalla nascita di Nuvolari, i cimeli e i trofei hanno trovato una nuova casa nell’ex chiesa del Carmelino, in via Giulio Romano a Mantova. La nuova sede, affidata dal Comune all’Automobile Club di Mantova è stata debitamente ristrutturata al fine di adeguare i locali dell’ex Archivio storico a luogo di conservazione e fruizione delle memorie del “mantovano volante”.

 

Immagine via Facebook

 

Redazione Conoscere La Storia

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

3 aprile 1896: nasce La Gazzetta dello Sport

Articolo successivo

Come i vichinghi raggiunsero l’America. Prima di Colombo