Parco Archeologico di Ostia Antica: il porto principale dell’Urbe

Saldamente controllata da Roma, la città di Ostia guadagnò maggiore autonomia dalla fine dell’età repubblicana e, poco a poco, si trasformò in un importante avamposto commerciale e militare, nonché porto principale, dell’Urbe. Nel suo periodo di massimo splendore, arrivò a contare addirittura 75mila abitanti.

Il sito archeologico di Ostia Antica offre appassionanti e piacevoli percorsi, che permettono di scoprire le principali zone della città. La maggior parte della frenetica vita commerciale, religiosa e politica si sviluppava lungo il decumano e nell’area in cui esso si intersecava con il cardo. Percorrendo queste strade e le zone limitrofe, si possono osservare i resti del Foro; del Capitolium, ossia il tempio dedicato alla triade divina composta da Giove, Giunone e Minerva; del Tempio Rotondo, che ricordava il Pantheon; dei luoghi di culto del Mitraismo; delle terme, in particolare di quelle di Nettuno, con bellissimi mosaici pavimentali in bianco e nero; del teatro; dei mercati; del Piazzale delle Corporazioni; delle fulloniche, ossia delle piccole aziende dove si lavavano e trattavano stoffe e lane. Molto interessanti sono anche i quartieri popolari con le insulae e il porto.

Redazione Conoscere La Storia

Conoscere La Storia vuole raccontare la storia agli appassionati, anche ai meno esperti, con semplicità, chiarezza e immediatezza.

Articolo Precedente

Hugues De Payns: chi era il fondatore dei templari?

Articolo successivo

9 agosto 1945: la bomba atomica americana su Nagasaki. Decine di migliaia di morti